fbpx

risultati

Vivi con passione.

In un paragrafo di un suo libro Claudio Belotti scrive: “vivi con passione”. E allora prendo spunto da questa frase.

Ti capita mai di sentirti scarico e di non aver voglia di non fare niente? Non so a voi, ma a me capita, purtroppo. In questi casi, o lasci ai tuoi pensieri il potere di buttarti ancora più giù o cerchi di cambiare il tuo stato mentale. In questo secondo caso puoi scegliere di pensare a momenti in cui ti sei sentito bene, a cose belle che hai fatto e che ti hanno motivato, o ancora a risultati che hai ottenuto, anche se con qualche difficoltà. Oppure puoi usare la fisiologia per obbligare la tua mente a spostare il suo focus.

Obbiettivi e risultati

Credo di sapere ormai, almeno credo, come pianificare obbiettivi che portino a risultati. Ciò malgrado, in questo periodo sto avendo difficoltà a raggiungerne alcuni. L’altro giorno, mentre camminavo, riflettevo su questa cosa e mi è venuto in mente un episodio accadutomi qualche anno fa, e che ho descritto nel mio libro sul fumo.

Il potere delle domande

Il potere delle domande.

Rileggendo gli appunti di un recente corso mi è venuta in mente una cosa che faccio da qualche tempo: lascio degli “appunti” qua e là sul tavolo ed alla fine, quando mi servono, devo andare a cercarmeli tra un foglio e l’altro, non trovandoli immediatamente ed a volte anche arrabbiandomi. Negli appunti erano riportate una serie di domande, di cui per la verità mi ero dimenticato, utili per ottenere risultati anche in campi in cui non li si hanno. Ho preso come riferimento positivo una cosa che mi riesce bene: rapportarmi bene e quasi subito con i bambini. E così, con il foglio a portata di mano, ho fatto il mio esercizio, rispondendo alle domande che trovi qui sotto, e mettendo su due colonne sia la cosa che mi riusciva bene, sia quella che non mi piaceva. 

Il potere delle credenze

Il potere delle credenze

Il potere delle credenze

Le credenze negative sono filtri che spesso bloccano la nostra mente e le nostre azioni. Quando crediamo che qualcosa non dipende da noi ma dalle circostanze esterne o dagli altri, diamo loro la possibilità di gestire la nostra vita. Perdiamo il controllo della nostra mente, delle nostre possibilità, e dimentichiamo che ogni volta che abbiamo creduto di potercela fare e ci siamo impegnati per questo, siamo riusciti ad ottenere grandi risultati e grandi cambiamenti. E che abbiamo il potere di ottenere risultati ancora migliori se solo perseveriamo e continuiamo a credere che possiamo vincere le nostre paure. Possiamo vivere bene la nostra vita, aiutare gli altri e godere anche materialmente  di questo. Ma abbiamo bisogno di toglierci i paraocchi che ci siamo messi davanti, coscientemente o no, e che ci impediscono di agire con forza e determinazione.

Finché crediamo che ciò che ci accade non dipende da noi ma da qualcos’altro, o da qualcuno, o che non ce la possiamo fare, non abbiamo alcuna possibilità di prendere in mano la nostra vita ed il nostro futuro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: