I corsi

I miei corsi

training autogeno

Training autogeno

Ti piacerebbe imparare a rilassarti in maniera veloce ed efficiente? Perché non dedicare mezz'ora al giorno a te stesso, per rilassarti e recuperare un po' di energia?
Il training autogeno è un metodo pratico, che non richiede molto tempo, e che dà effetti immediati. E i benefici sono enormi.
Il training autogeno consiste nell’apprendimento e nell’uso costante di una serie di esercizi di rilassamento, sia fisici che mentali, che favoriscono il recupero di energia. La maggior tranquillità acquisita, ci aiuta a migliorare sia la concentrazione, che la gestione delle emozioni. Il tutto mantenendo il giusto equilibrio psico-fisico. La tecnica anche se utile, non è indicata per persone depresse o con problemi psicologici, per i quali è bene rivolgersi al proprio medico.

raggiungi i tuoi obbiettivi

Crescita personale

La nostra vita ed i nostri comportamenti dipendono da tutta una serie di situazioni pregresse, legate a ciò che abbiamo appreso da bambini, dai genitori e dalle persone a noi più vicine, dalla scuola, dall’ambiente esterno in cui abbiamo vissuto, ed anche dalle nostre esperienze. Tutto ciò che accade attorno a noi, filtrato dai nostri cinque sensi e controllato dal nostro inconscio, giunge quindi al nostro cervello, che filtra ed elabora le informazioni in arrivo, immagazzinandole. Questo lavoro di semplificazione e di filtraggio delle informazioni è necessario al cervello per non sovraccaricarlo. Grazie alle informazioni elaborate ed immagazzinate, spesso il cervello è in grado di agire in maniera automatica, scegliendo tra le tante, le azioni migliori da mettere in atto, semplificandoci la vita. Così, se una persona ci taglia la strada mentre siamo alla guida della nostra auto, non abbiamo bisogno di pensare a quale pedale premere per frenare, ma lo facciamo in automatico. Da questo punto di vista l’automatismo ci è utile. Lo è di meno invece quando lasciamo che lui decida quali azioni o comportamenti mettere in atto. Questo perché, grazie a ciò che abbiamo assimilato nel nostro passato, e grazie al subconscio di cui abbiamo parlato, spesso ciò che noi crediamo o pensiamo di sapere, e perfino ciò che riteniamo giusto o sbagliato, non corrisponda alla realtà delle cose. E così, a volte ci lamentiamo del nostro lavoro, della nostra situazione economica, del rapporto con il partner e con i figli, di come viviamo la nostra vita nello stress, ma poi non facciamo nulla per cambiare. Se vogliamo conoscere le nostre vere potenzialità e diventare consapevoli dei nostri comportamenti e della nostra vita, se vogliamo capire meglio i nostri blocchi e le nostre reazioni emotive, le nostre convinzioni ed i programmi che ci guidano, dobbiamo fare un lavoro su noi stessi. Per fare questo dobbiamo però superare una difficoltà. La difficoltà sta nel fatto che la “mappa del mondo”, ovvero quella che chiamiamo erroneamente “la nostra realtà”, come abbiamo detto, ci dà sicurezza, evitandoci dello stress inutile. E questo fa sì che abbiamo una certa remora ad accettare il cambiamento. Se vogliamo crescere quindi come persone abbiamo bisogno di imparare a comunicare meglio con noi stessi, ascoltandoci, osservando i nostri comportamenti, e diventandone più consapevoli. La base del cambiamento è la consapevolezza. Solo capendo quali sono i nostri comportamenti e ciò che veramente vogliamo nella nostra vita, possiamo poi cambiare quei comportamenti che non ci stanno bene o che non ci sono utili per raggiungere i nostri obbiettivi. La fase successiva è quella di imparare le tecniche per diventare i padroni della nostra vita e poter gestire così in maniera efficace anche le nostre emozioni. A questo punto non ci rimane che agire. Senza azioni non si ottengono risultati.